Vagabonda che son io. Un 2018 diviso in tre nazioni: come e perché?


 

 
 
 

Ed eccomi qui, i miei piedi calpestano nuovamente terreno italiano, quando alzo lo sguardo al cielo il sole accarezza la pelle del mio viso sereno. Mi guardo intorno ed è pieno di storia, storia in ogni angolo; afferro qualche parola che si perde, poi, nel vento: è italiano, mi era mancato.
Ma nonostante l’Italia è e sarà sempre la mia casa, nonostante mi manchi se le sto lontana, il mio cuore desidera ardentemente assaporare la vita racchiusa in luoghi lontani…

Ebbene, nel frattempo, sono qui per raccontarmi, per dar voce ai palpiti di quello stesso cuore, per non smettere mai di sognare.

L’anno che abbiamo appena salutato, il 2018, mi ha insegnato che viaggiare con un budget severamente ristretto è possibile. Ed avendo preso coscienza di ciò, ho avuto l’occasione di vivere in tre nazioni differenti, viaggiare, partire, e tornare. Come e perché? Se anche tu sei un’anima vagabonda, accompagnami in questo breve rewind!

Note: se anche tu sei un/a viaggiatore/viaggiatrice on a budget, segui il blog, avrò molto da dire a proposito!


Verona, Italia

Come e perché ho passato il mio 2018 in nazioni differenti?

La prima parte del mio 2018, e gran parte di esso veramente, è stata spesa negli UK. Come? Easy, grazie al programma Erasmus+ per lo studio. Infatti, grazie ai fondi europei destinati al programma citato, ho passato tutto l’anno accademico 2017/2018 vivendo e studiando nella prestigiosa University of Leeds, nel nord dell’Inghilterra. Ho scelto la meta inglese di Leeds per un semplice motivo: il cinese. L’Università di Leeds, a differenza delle altre mete offerte dall’Università degli Studi di Verona, la mia sede italiana, offre corsi di lingua cinese. In questo modo ho potuto continuare lo studio delle materie specifiche legate al mio corso di laurea all’estero, mantenendo coerente il mio curriculum universitario.

Leeds è diventata la mia casa per ben dieci mesi, e non solo, è diventata anche il punto d’appoggio per i numerosi viaggi che, da lì, sono partiti.

Note: hai bisogno di consigli e/o informazioni riguardanti il programma Erasmus? Segui il blog, scriverò anche su questo! Non te ne pentirai, pal.


Leeds, UK

Dopo il mio rientro in patria, nel luglio 2018, ho speso l’estate girovagando per l’Italia con il mio ragazzo, e per la Croazia con la famiglia. Ma non sono rimasta a lungo, nonostante adori le estati soleggiate e torride che caratterizzano il nostro Paese. No, sono fuggita in Francia, nel nord della Francia per essere precisi. E fu così che passai la restante parte dell’estate nella città di Nancy, una perla incastonata tra le colline della Lorena. Perché Nancy? Bah, c’est facile, perché il mio ragazzo è francese, è uno studente fuori sede comme moi, e vive proprio in questa città.

Aspetta, aspetta, ho il ragazzo francese? Ebbene sì, conosciuto a Leeds, durante il nostro Erasmus *blink blink*.

Da Nancy, poi, ci siamo spostati per vedere altri posti, altre città come Marseille. Terminando, poi, nei Vosgi, dove l’aria fresca di montagna ed il sole cocente ci hanno accompagnati fino ad ottobre, mese in cui sono tornata in Italia.


Nancy, France

Ed arriviamo, così, al termine dell’anno, passato in Italia fino alle vacanze natalizia, per le quali sono tornata in Francia.

La mia base italiana è Verona, la mia vera casa. Verona è quella città che porterò sempre nel cuore, che mi mancherà sempre, dovunque la vita mi porterà, e nella quale vorrò sempre tornare.

Perché un pretesto per tornare bisogna sempre seminarselo dietro, quando si parte.

– Alessandro Baricco

C’è anche un’altra città, o meglio un paesino nella sua provincia, verso cui migro ogni weekend: Padova, la mia casa d’infanzia. Il perché di Verona, invece, è lo studio. Infatti, mi ci sono traferita due anni fa, quando ho iniziato l’università. Attualmente, vivo in una residenza studentesca nel cuore di quella parte della città chiamata Veronetta, a due passi dall’Adige.

Il mattino l’aria fresca del fiuma risale lungo le vie, ed in ogni dove c’è storia, storia in ogni angolo.

Leave a Reply