Cathay Pacific e l’espansione in Nord America

Abbastanza in controtendenza rispetto alla consuetudine ed ai competitor, la compagnia cinese (seppur di Hong Kong) Cathay Pacific ha annunciato la prossima apertura del collegamento tra Hong Kong e Chicago, città dell’Illinois, in USA.

Il nuovo volo sarà inaugurato il prossimo 1^ settembre e avrà cadenza giornaliera. Assieme al nuovo volo per Chicago, Cathay Pacific ha annunciato anche l’introduzione di un terzo volo giornaliero tra Hong Kong e New York a partire dal 27 marzo, che diverrà a sua volta quotidiano dal 2 maggio.

Si tratta a tutti gli effetti di un passaggio significativo per la compagnia aerea, poichè Chicago è la prima nuova destinazione americana a partire dal lontano 1998, che in termini aeronautici equivale alla preistoria. Inoltre, a differenza dei collegamenti attualmente operati (NYC, SFO, LAX), Chicago è la prima destinazione continentale in USA, benchè Cathay operi già alcuni voli cargo via Anchorage / Amsterdam-DubaI.

CX807  ORD  3:25 p.m. HKG  8:00 p.m. +1

CX806 HKG  11:45 a.m. ORD 1:45 p.m.

CX 845 JFK 1:20 a.m. HKG  5:15 a.m. +1

CX 846 HKG 6:30 p.m. JFK 10:25 p.m.

Read Users' Comments (0)

Alitalia e la diatriba con Alenia sugli Embraer

Alitalia ha fatto una scelta, chiara diretta e quanto mai trasparente: ha deciso che per i collegamenti regional gli Embraer sono gli aeromobili che desidera e li ha ordinati. Un unico, meraviglioso, mirabile fatto.

Fatto che tuttavia ha scatenato indignazioni e polemiche a non finire. Il Corriere della Sera racconta in dettaglio tutto ciò che è seguito all’ordine di 20 Embraer brasiliani in leasing, preferendoli al Superjet prodotto dall’accoppiata italo-russa Sukhoi-Alenia. L’AD di Alitalia Rocco Sabelli pur non nascondendo il dispiacere motiva la scelta con una motivazione legata alle tempistiche soprattutto basate sul fatto che il Superjet è un aereo sulla carta, ma manca ancora della certificazione di sicurezza.

Diverso il tono da parte di Alenia, sottocontrollata di Finmeccanica, realizzatrice dell’avionica del SuperJet: la certificazione manca, ma l’aereo vola e le carte sarebbe prossime all’arrivo fin dalla prima metà del 2011, quindi non incompatibili con le tempistiche di alitalia.

A gettare ancor più benzina sul fuoco non è nemmeno mancato il presidente dell’ENAC, Vito Riggio  e la politica italiana, secondo cui si è persa una occasione per l’industria italiana. Riggio vuole – forse pretende – di capire perchè Alitalia abbia fatto questa scelta vista la bontà del SuperJet el’offerta economica vantaggiosa.

Embraer Alitalia – foto tratta da http://www.ioguido.com

FlyerZ blog, che con Alitalia non è mai stato tenero ma anzi critico, oggi vuole limitarsi a una sola riflessione: Alitalia è stata privatizzata, non è più una società pubblica nella disponibilità dei politici e i famosi “capitani coraggiosi” hanno il diritto/dovere di fare le scelte industriali che più ritengono coerenti, al di là che queste siano patriottiche o meno.

Bene ha fatto Rocco Sabelli a tirare dritto (anzi, dritto per dritto) sulla loro scelta, perchè spiegazioni non ne vanno date. Non c’è alcun patto con il sangue, nessun obbligo nel dover stipulare un contratto con una società italiana: sarebbe stato un elemento di maggiore soddisfazione ma non può e non deve in alcun modo essere una costrizione o una scelta coattiva nella politica industriale di una società privata che deve competere in un mercato libero.

Se Alitalia ha ritenuto che la proposta commerciale e gli aeromobili della Embraer confacessero di più alle esigenze e alle possibilità del vettore, non occorre dare ulteriori spiegazioni. Non si tratta nè di occasioni perse, nè di tradimenti. Non c’è nulla che l’ENAC o la politica debba capire, salvo il fatto che Alitalia non è più la società pubblica della quale ognuno poteva disporre a piacimento.

Read Users' Comments (0)

Star Alliance: sempre più offerte online

Star Alliance, l’alleanza tra compagnie aeree con la più ampia rete di collegamenti al mondo, è la prima alleanza a vendere online una varietà di prodotti tariffari. Oltre alla tariffa Giro del Mondo è ora possibile prenotare e acquistare online anche le altre tariffe Circle Fare di Star Alliance all’indirizzo www.staralliance.com. Questo consente ai clienti di organizzare i propri viaggi restando comodamente a casa propria, 24 ore su 24 e 365 giorni l’anno. Le prenotazioni possono essere effettuate ovunque ci si trovi nel mondo, e l’emissione dei biglietti avviene elettronicamente. Il booking engine, attualmente disponibile in inglese e giapponese, prevede in futuro l’aggiunta di ulteriori lingue.

“Oggi internet è un canale distributivo fondamentale per le vendite, e i nostri prodotti tariffari mettono a disposizione dei clienti un modo unico per esplorare la grande varietà di destinazioni servite dai vettori membri della nostra alleanza. La complessità delle tariffe multi-vettore le rende però difficili da automatizzare e questo ci rende ancor più soddisfatti di poter consentire, via internet, la prenotazione e l’emissione di biglietti anche per una varietà di prodotti Circle Fare” ha dichiarato Christopher Korenke, Vice President Commercial di Star Alliance.

Star Alliance offre tre diversi prodotti tariffari Circle Fare: Circle Asia, Circle North Asia e Circle Pacific. Questi prodotti tariffari sono concepiti per facilitare i viaggi fra le destinazioni che si affacciano sull’Oceano Pacifico utilizzando i diversi vettori membri di Star Alliance. Nello specifico, il Circle Asia consente di viaggiare fra il Sud Est Asiatico, l’Asia Settentrionale e la regione del Pacifico Sud Occidentale, mentre il Circle North Asia è studiato per i viaggi fra Giappone, Corea, e la Cina continentale  (incluse Hong Kong e Macao). Il prodotto che porta i passeggeri più lontano è il Circle Pacific, che consente di viaggiare fra Asia, Asia Australe, la Costa canadese affacciata sull’Oceano Pacifico e Gli Stati Uniti. I clienti selezionano le destinazioni coperte dai rispettivi prodotti tariffari Circle Fare per creare un itinerario circolare personalizzato. Il viaggio deve iniziare e terminare nello stesso paese e la tariffa è calcolata sia sulla base della distanza totale percorsa che della classe selezionata. I clienti possono infatti scegliere di viaggiare in Prima Classe, in Business oppure in Economy. Ulteriori dettagli sono disponibili all’indirizzo www.staralliance.com

La possibilità di prenotare online i prodotti Circle Fare fa seguito all’introduzione di “Book & Fly”, avvenuta oltre un anno fa. “Book & Fly” consente ai viaggiatori di organizzare, prenotare e acquistare biglietti Giro del Mondo via internet su www.staralliance.com. Oltre alla lingua inglese, agli inizi di quest’anno è stata aggiunta a “Book & Fly” l’opzione della lingua giapponese.

Star Alliance

Star Alliance è stata fondata nel 1997 come la prima vera alleanza tra compagnie aeree a livello mondiale per offrire ai passeggeri una rete globale di collegamenti e una confortevole esperienza di viaggio. Sono numerosi i riconoscimenti ricevuti e che sanciscono la sua importanza sul mercato, quali l’Air Transport World Market Leadership Award e la qualifica di Best Airline Alliance da parte di Business Traveller Magazine e di Skytrax. Queste le compagnie aeree facenti parte dell’alleanza: Adria Airways,  Aegean Airlines, Air Canada, Air China, Air New Zealand, ANA, Asiana Airlines, Austrian, Blue1, bmi, Brussels Airlines, Continental Airlines, Croatia Airlines, EGYPTAIR, LOT Polish Airlines, Lufthansa, Scandinavian Airlines, Singapore Airlines, South African Airways, Spanair, SWISS,  TAM Airlines, TAP Portugal, Turkish Airlines, THAI, United e US Airways. In futuro Air India, Avianca-TACA, Copa Airlines ed Ethiopian Airlines faranno il loro ingresso in Star Alliance. Star Alliance opera oltre 21.000 voli giornalieri verso 1.160 aeroporti in 181 paesi. Per maggiori informazioni: www.staralliance.com

A320 Star Alliance

Read Users' Comments (0)

 Page 16.028 of 16.033  « First  ... « 16.026  16.027  16.028  16.029  16.030 » ...  Last »