ninnananna


 

 
 
 

ninnanannaninnananna
ninnananna della metropolitana
quelle porte sipario
che ci lascian passare
con il nostro bagaglio
che non pesa poi tanto

ta-tràn ta-tràn sshhhh

è la prima fermata
occhi bassi e distratti
niente base stonata
due violini di strada
questa è musica vera
qualche sguardo si leva

io lo so cosa pensi
tu lo sai cosa penso
se c’è un bimbo con me
quando passo sorridi
sarà poi quando cresce
che mi lasci da sola

ta-tràn ta-tràn sshhhh

ninnananna della metropolitana
ninnananna cantata
in una lingua straniera
le vocali perdute
che la rendono dura
ma per lui è pur dolce
caro suono di madre
lei che ora non c’è

ta-tràn ta-tràn sshhhh

la seconda fermata
è sotto il grande teatro
e c’è pure un castello
ci hanno detto una volta
è che il tempo di festa
per salire di sopra
non c’è ancora
e chissà

come siete belline
come siete bravine
molto meglio che far le puttane
sempre meglio che rubar nelle case
il sipario si chiude
qualche applauso qua e là

ta-tràn ta-tràn sshhhh

ora voi ve ne andate
è la stazione centrale
qui scendete un po’ tutti
c’è chi deve partire
c’è chi può lavorare
per noi è solo un passaggio
di una lunga giornata
sotterrata quaggiù

ta-tràn ta-tràn sshhhh

ninnananna della metropolitana
ma che bello il bambino
ma così prende freddo
ma voi siete sorelle?
e come mai siete bionde?
io al mio gli cantavo
la mammina è qua
e il papà ritornerà

lui non è nostro figlio
lui è nostro fratello
lui è nato già qui
lo vogliamo portare
fino al nostro paese
là potremo suonare
travestite di bianco
questo nostro violino
per le nozze dei nostri
sulla riva del mare
di quel mare che è nostro.

Leave a Reply