L’evoluzione dei compleanni…


 

 
 
 

Recentemente è stato il mio compleanno, ho compiuto 22 anni. Curiosa come cosa, anche perché credevo di essere più vecchio xD

Quando il giorno prima ne parlavo con la mia ragazza, io, smemorato come sempre, non volevo crederci, le dicevo:
“Ma non è vero…io non ho 22 anni. Non è possibile…sono più vecchio di così…”
E lei :
” No, ne hai 22, sei sempre il solito “
Attenzione, non so se vi capiterà nuovamente di incontrare un personaggio come me, uno che neanche ricorda la sua età, auto convinto di essere più vecchio di quanto non sembri in realtà.
Comunque, arriva il giorno del mio compleanno e comincio a riflettere, comincio a pensare all’essenza di questo giorno nell’arco degli anni, la sua nascita esplosiva, la sua sicurezza negli anni e il suo successivo tranquillizzarsi…
Ricordo che quando ero bambino, il giorno della mia festa la casa si riempiva letteralmente di parenti, era piena di zie, zii, nonne, e cugini strillanti…vi chiederete:  Come diamine fai a ricordarti le feste di quando eri un bambino piccolo ? Semplice…ai miei ricordi sbiaditi e confusi si sono aggiunte le cassette che mio padre registrava con la sua telecamera gigantesca, una di quelle vecchie telecamere, le prime uscite, grandi quanto un cane di medie dimensioni.
Allora ai miei ricordi si sono aggiunti i vestiti anni novanta, le acconciature e le chiacchiere…davvero bellissima come cosa. Io ero un fagottino silenzioso, immerso in un mare di gente, tutta lì per me.
Poi si inizia a crescere, e con l’ingresso nella scuola anche le feste subiscono un mutamento, non sono più puramente familiari, la casa viene invasa dai bambini di ogni taglia, i bambini della tua classe, i quali vengono invitati tutti. Ricordo ancora che mia madre e mio padre allestivano in giardino, sulla veranda, un piccolo rinfresco con sedie e tutto il resto…e noi bambini correvamo in giardino da parte a parte come degli ossessi xD che ricordi…
Crescendo poi queste feste sono sempre andate a diminuire, sostituite da quelle in luoghi esclusivi ( o almeno lo erano per noi). All’epoca, andava di moda organizzare il tutto al bowling…quante feste al bowling! Ero diventato un maestro all’artiglio dei peluche…ricordo che ogni volta tornavo a casa con delle buste piene di pupazzi xD
Le successive evoluzioni di questo evento sono pressappoco simili, l’unica differenza sta nelle persone che siedono insieme a te: Cena con gli amici, e cena coi familiari.
Vi spiego…
Io festeggio il 25 agosto, ed è sempre stato un  periodo molto difficile per le feste, poiché tutti i miei amichetti puntualmente partivano in vacanza e non tutti potevano essere presenti al mio compleanno…
Adesso che sono cresciuto è ancor più difficile, tra il lavoro, le ferie e tutto il resto gli impegni sono aumentati ed anche le cene sono divenute difficili da organizzare…
Se c’è una cosa che però ho imparato nel tempo…è che l’unica cosa che conti sul serio in un’amicizia è l’esserci sempre gli uni con gli altri <3
Ho scritto questo articolo poiché ripensando a tutte le feste che ho vissuto fino a adesso…ben 22…e ripensando a come siano iniziate, sono davvero rimasto colpito dallo sviluppo che hanno avuto e che stanno avendo, quando capisci che la festicciola di compleanno non è importante…allora significa che sei davvero cresciuto ;)
Nicholas Massa

Leave a Reply

L’evoluzione dei compleanni…


 

 
 
 

Recentemente è stato il mio compleanno, ho compiuto 22 anni. Curiosa come cosa, anche perché credevo di essere più vecchio xD

Quando il giorno prima ne parlavo con la mia ragazza, io, smemorato come sempre, non volevo crederci, le dicevo:
“Ma non è vero…io non ho 22 anni. Non è possibile…sono più vecchio di così…”
E lei :
” No, ne hai 22, sei sempre il solito “
Attenzione, non so se vi capiterà nuovamente di incontrare un personaggio come me, uno che neanche ricorda la sua età, auto convinto di essere più vecchio di quanto non sembri in realtà.
Comunque, arriva il giorno del mio compleanno e comincio a riflettere, comincio a pensare all’essenza di questo giorno nell’arco degli anni, la sua nascita esplosiva, la sua sicurezza negli anni e il suo successivo tranquillizzarsi…
Ricordo che quando ero bambino, il giorno della mia festa la casa si riempiva letteralmente di parenti, era piena di zie, zii, nonne, e cugini strillanti…vi chiederete:  Come diamine fai a ricordarti le feste di quando eri un bambino piccolo ? Semplice…ai miei ricordi sbiaditi e confusi si sono aggiunte le cassette che mio padre registrava con la sua telecamera gigantesca, una di quelle vecchie telecamere, le prime uscite, grandi quanto un cane di medie dimensioni.
Allora ai miei ricordi si sono aggiunti i vestiti anni novanta, le acconciature e le chiacchiere…davvero bellissima come cosa. Io ero un fagottino silenzioso, immerso in un mare di gente, tutta lì per me.
Poi si inizia a crescere, e con l’ingresso nella scuola anche le feste subiscono un mutamento, non sono più puramente familiari, la casa viene invasa dai bambini di ogni taglia, i bambini della tua classe, i quali vengono invitati tutti. Ricordo ancora che mia madre e mio padre allestivano in giardino, sulla veranda, un piccolo rinfresco con sedie e tutto il resto…e noi bambini correvamo in giardino da parte a parte come degli ossessi xD che ricordi…
Crescendo poi queste feste sono sempre andate a diminuire, sostituite da quelle in luoghi esclusivi ( o almeno lo erano per noi). All’epoca, andava di moda organizzare il tutto al bowling…quante feste al bowling! Ero diventato un maestro all’artiglio dei peluche…ricordo che ogni volta tornavo a casa con delle buste piene di pupazzi xD
Le successive evoluzioni di questo evento sono pressappoco simili, l’unica differenza sta nelle persone che siedono insieme a te: Cena con gli amici, e cena coi familiari.
Vi spiego…
Io festeggio il 25 agosto, ed è sempre stato un  periodo molto difficile per le feste, poiché tutti i miei amichetti puntualmente partivano in vacanza e non tutti potevano essere presenti al mio compleanno…
Adesso che sono cresciuto è ancor più difficile, tra il lavoro, le ferie e tutto il resto gli impegni sono aumentati ed anche le cene sono divenute difficili da organizzare…
Se c’è una cosa che però ho imparato nel tempo…è che l’unica cosa che conti sul serio in un’amicizia è l’esserci sempre gli uni con gli altri <3
Ho scritto questo articolo poiché ripensando a tutte le feste che ho vissuto fino a adesso…ben 22…e ripensando a come siano iniziate, sono davvero rimasto colpito dallo sviluppo che hanno avuto e che stanno avendo, quando capisci che la festicciola di compleanno non è importante…allora significa che sei davvero cresciuto ;)
Nicholas Massa

Leave a Reply