Viaggiare


 

 
 
 

Quando qualcuno intraprende una strada, può essere subito giudicato, frainteso, invidiato, imitato, giudicato… Questo fa parte dell’essere un genitore, una persona, un puntino in mezzo ad altri puntini, cerchi, triangoli e anche tanti quadrati! Io fin da piccola ho sempre sognato di viaggiare, di scoprire, di dedicare il mio tempo aprendo occhi, mente, anima. Fino ad ora, mi sono concessa tanti spostamenti, tante scoperte, tante emozioni, ora le cose si sono messe un po in “Stand By” perché le prospettive sono cambiate, i bisogni dei miei figli sono più netti e le situazioni sono purtroppo più scontate, ma io ho sempre dentro quell’infinito bisogno di andare….

Ci si mette mai a pensare a quanto le cose “comuni” non fanno più paura, ma in realtà dovrebbero farlo sempre? Ci si ferma mai abbastanza a pensare a quanto si concede agli altri togliendo a se stessi, sapendo che non ci sarà un ritorno a tutto questo concedere, ma lo si fa comunque? Ci basta sognare , rimandare, continuare a sentirsi positivi per aspettare finalmente il nostro turno? E’ questa la strada migliore per ingannare l’attesa? Quando la mattina inizio la mia giornata, le aspettative sono le solite, le cose da fare di routine, la fretta, la normale compagna di chi ha più di un figlio, il caos pure.

La giornata inizia all’alba e sono moltissime le volte in cui mi domando che voglia ha mio figlio di svegliarsi ( e svegliarci ogni mattina alle 4.50 per mangiare la solita pasta in bianco, con la bocca ancora al sapore di sonno, vestirsi, prepararsi il cambio, imbottirsi per sfidare i -5 gradi della mattina, inforcare la bicicletta con la borsa di 15 kg sulle spalle, due ‘Lunch Box”, con le tanto odiate bottigliette di acqua con elettroliti per stare almeno in piedi, i mille snack programmati, gli allenamenti duri (con un Main Set di 6000m), e sapere che quando si esce la prima volta dal piscina, e ci si veste con il colletto bianco e la cravatta della scuola, si e’ già stanchi e sono solo le 7 di mattina! Viaggiare significa sposarsi fisicamente o anche solo con la testa????

Leave a Reply