The dream job – Il lavoro che sogno


 

 
 
 

Quando penso agli Aeroporti penso a quei luoghi in cui le persone si rivedono dopo tanto tempo. Quelle persone che mollano valigie in mezzo alla strada e corrono ad abbracciare le persone che amano. Sono luoghi dove riesci a percepire l’amore e le emozioni, le parole e i silenzi.

Amo gli incontri in Aeroporto perchè al di là del gesto banale di controllare il tabellone degli arrivi si nasconde un mondo. In quell’occhiata sfuggevole di chi aspetta sono racchiuse preoccupazioni, paure, voglie, fermento ed eccitazione. Intanto l’aereo comincia la discesa e il filo che unisce le due persone si accorcia, fino ad arrivare al momento dell’abbraccio… un abbraccio incessante, pieno di amore che nel suo silenzio vuol dire “Sono tornato”. Da quel momento tutto ciò che li circonda sembra non esistere più e fa semplicemente da sfondo. È come se il tempo si fosse fermato lasciando spazio solo al rumore dei singhiozzi e alle lacrime che solcano il viso.

A couple embraces next to a flight information board at Pulkovo airport in St. Petersburg

Amo quei luoghi che raccontano tutto questo, quei posti che sanno di vita… quella vita che ti fa piangere e ridere allo stesso tempo, quella che ti strazia e ti entusiasma, quella vita che ti costringe spesso a decollare per poi atterrare.

Sì, è proprio questo il mio Sogno. Vivere ogni giorno l’emozione di questa gente, lavorare in aeroporto; non come hostess di volo ma qualsiasi altro impiego purchè sia in un ambiente aeroportuale. Chissà se un giorno tutto quello che immagino accadrà, chissà se un giorno tutti i miei sacrifici saranno ripagati.

Chissà se un giorno sarà, quello che adesso non è.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.