Compagni di viaggio: Il Mascara non è mai troppo


 

 
 
 

Un Lunedì come tanti altri, treno Livorno-Milano C.

“Quali compagni di viaggio mi capiteranno oggi?” ogni volta lo penso e ogni volta penso anche “potrei scrivere un libro con i tanti episodi che mi sono capitati fin ora!”……e puntualmente tanti altri ne arrivano.

  1. Ragazza mora
    1. Dopo aver dormito quasi tutto il viaggio con le cuffiette nelle orecchie (io non riuscirei mai), le squilla il telefono e lei cosa fa? Stacca le cuffiette dal cellulare e incurante si rimette a dormire….poi finalmente si accorge che il rumore non era solo nelle sue orecchie, ma in quelle di tutti e chiude il telefono (si, non guarda nemmeno chi la stesse chiamando……e se fosse stata sua madre? io se non rispondessi a mia madre rischierei di vedervi arrivare appresso mezza Folgore!). Che poi mi chiedo perché staccare le cuffie dal cellulare?!
    2. Il controllore le chiede l’ultima lettera del PNR (una sola lettera quindi) e lei cosa risponde? “PN”! Il controllore prova ad inserirle entrambe ma nessuna delle due viene accettata, allora lei nei spara altre 2 a caso, e nemmeno queste sono giuste. Finalmente poi cede il cellulare al controllore che individua subito la vincitrice…..AND THE WINNER IS “C”!
    3. Decide poi di truccarsi, o meglio di annaffiare le sue ciglia (sia superiori che inferiori) nel Mascara (o meglio in due differenti Mascara), perché come diceva una famosissima pubblicità……

      Du gust is megl che uan

  2. Ragazza più mora della prima
    1. Ha degli occhi blu e capelli lunghissimi, proprio una bella ragazza acqua e sapone. Ha gli occhialoni (quelli che oramai tutti hanno, anche se non hanno mai portato gli occhiali da vista, improvvisamente ne hanno bisogno…). Sono rimasta colpita dalla custodia Nau degli occhiali, perché la possiedo identica se non fosse per il colore, la mia è arancione, mentre la sua bianca.
  3. Ragazzo biondiccio/castano
    1. Stupendi occhi blu. Non ha fatto nulla per tutto il viaggio, e ha guardato il cellulare (I-Phone con custodia bianca), solamente una volta. Ripeto….solamente una volta! Non mi era mai capito di incontrare qualcuno in treno che guardasse il cellulare solamente una volta in quasi due ore di viaggio. Oramai siamo tutti drogati da questa tecnologia (anche io). Per non parlare di quelli che si ostinano a parlare al cellulare in galleria (cioè avete presente quante gallerie ci sono nel tratto Spezia-Genova?? ma questa è un’altra storia).

Questi sono stati i miei compagni di viaggio oggi, e i vostri? Ci sentiamo alla prossima puntata!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.