Alitalia : B777-200ER numero due a Singapore

Un altro B777-243ER EI-ISO Alitalia sta volando come AZ8011 da Roma Fiumicino a Singapore per manute

Read Users' Comments (0)

Trapani: solo voli nazionali con il bando

Nessun volo internazionale e’ stato oggetto di interesse di chi doveva accedere ai fondi disponibili

Read Users' Comments (0)

In moto in Scozia: prima tappa, Dijon

Eccoci arrivati al primo giorno di questo fantastico viaggio! Si parte, ovviamente con la necessaria, cosiddetta e a tratti temuta “tappa di trasferimento”.

20160813_122445Io e Salvo, però, pensiamo che tutto il viaggio vada il più possibile goduto, specialmente se si è in moto, perché il semplice essere in sella lungo la strada rappresenta una parte importante dell’esperienza. Quindi le nostre tappe di trasferimento non sono mai eccessivamente lunghe o troppo stancanti. Per noi non ha senso fare migliaia di chilometri e guardarsi velocemente intorno, salvo rare eccezioni.

Quindi abbiamo diviso indicativamente il percorso per arrivare in Scozia in quattro tappe che ci permettessero di fare anche un giretto nei luoghi dove ci saremmo fermati.

La partenza è stata molto emozionante: la moto era caricata con l’essenziale (che comprende anche la tenda) e noi eravamo molto entusiasti!

Ci siamo diretti verso la Francia, e siamo passati attraverso il traforo del Frejus. Anche se abbiamo fatto questo viaggio nel 2016 ho nitido il ricordo del caldo che c’era in quel tunnel, sembrava di stare dentro un asciugacapelli! Fuori dal traforo, invece, si stava benissimo, aria di montagna, frizzante, circondati da vette appuntite e paesaggi incantevoli.

Arriviamo nel tardo pomeriggio a Dijon, una cittadina molto romantica, ma con strade lastricate che rendono il passaggio in moto molto scomodo.

Una volta arrivati, scegliamo il posto dove dormire..e dove cenare. Siamo fortunati perché nel b&b dove abbiamo deciso di soggiornare (Centre Dijon) troviamo l’ultima stanza disponibile. Questo è uno dei rischi del viaggiare in libertà, senza prenotazioni se non da un giorno all’altro. Però per me è un modo bellissimo di spostarsi, perché permette di avere solo un itinerario di massima e poi farsi guidare dall’istinto, dai consigli degli abitanti della zona e da quello che via via si scopre sul percorso.

20160814_081825Al mattino sistemiamo le borse della moto, da cui avevamo tolto solo lo stretto indispensabile per una doccia e la notte, e facciamo una bella colazione a base di cafè au lait e pain au chocolat, approfittando per scrivere la prima pagina del nostro diario di viaggio. Dopo di che, si riparte!

e.

Read Users' Comments (0)

 Page 1 of 15.552  1  2  3  4  5 » ...  Last »